“Scusate, ma siamo delusi”: il trimestre di Tapestry è sotto le stime (+1%). Kate Spade col fiato corto

Tapestry cresce poco, ma cresce, nel secondo trimestre chiuso il 29 dicembre 2018. “Questa performance non è stata all’altezza delle nostre aspettative a fronte di un contesto macroeconomico e geopolitico sempre più volatile” taglia corto Victor Luis, ceo del gruppo USA, che non nasconde la sua delusione. Le vendite nette del gruppo sono state pari a 1,80 miliardi di dollari con un aumento dell’1% a cambi attuali e del 2% in valuta costante. L’utile operativo è stato pari a 381 milioni di dollari contro i 346 milioni di dollari dello stesso periodo dell’anno precedente. Anche i marchi in portafoglio hanno avuto un andamento piatto, con l’eccezione negativa di Kate Spade, che ha perso terreno.

Nel dettaglio: il fatturato di Coach è stato di 1,25 miliardi di dollari (+2% a cambi costanti). quello di Kate Spade di 428 milioni di dollari (-1%), mentre Stuart Weitzman ha incassato 124 milioni di dollari migliorando del 3% a cambi attuali e del 4% in valuta costante. Il gruppo americano prevede che i ricavi per l’esercizio 2019 aumenteranno ad una sola cifra percentuale.

Nel mirino del ceo Victor Luis c’è Kate Spade: “Le vendite dei negozi comparabili sono state inferiori alle nostre aspettative, penalizzate dalla mancanza di novità distintive nelle collezioni finali del precedente team di design” mentre è positivo su Stuart Weitzman: “Abbiamo raggiunto il nostro obiettivo che era quello di tornare a crescere al top”. Complessivamente, nel primo semestre le vendite di Tapestry sono cresciute del 4%: “È importante sottolineare che restiamo fiduciosi nella nostra tabella di marcia a lungo termine per ottenere un ritorno al reddito operativo a doppia cifra e agli utili per crescita diluita delle azioni nell’anno fiscale 2020″ ha aggiunto il ceo di Tapestry. (mv)

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati