Zegna invita a imparare dai francesi (ma anche a difendersi)

dai francesi

La filiera italiana “si sta facendo utilizzare malamente” dai francesi, dice Ermenegildo “Gildo” Zegna. A suo dire, le imprese produttive italiane devono essere al servizio dei marchi italiani. Ma i francesi utilizzano anche un altro aspetto made in Italy: i manager. “Ora l’operazione è riportarli a casa”, afferma lo stesso imprenditore. Più facile a dirsi che a farsi, quando oltralpe ci sono giganti come LVMH, Kering, Chanel, Hermès.

Difendersi dai francesi

I francesi sono grandi nel lusso anche perché utilizzano risorse italiane, spiega Zegna a La Stampa. “Sono sempre stati più bravi di noi nel lusso perché si sono portati a casa i migliori manager, che sono italiani. Ora l’operazione è riportarli a casa. Io qualcuno l’ho fatto tornare e le cose sono cambiate”. Gli italiani, sostiene lo stesso imprenditore, sono bravi a innovare e a decidere, ma lo sono “molto meno nella capacità di esecuzione”. Intanto la filiera nostrana fa grandi i gruppi transalpini. “Il 70% dei prodotti che le aziende francesi del lusso vendono è fabbricato in Italia. Ci stiamo facendo utilizzare malamente, dobbiamo far sì che queste aziende siano al servizio dei marchi italiani”.

 

Zegna invita a imparare dai francesi (ma anche a difendersi)Zegna invita a imparare dai francesi (ma anche a difendersi)

 

C’è da imparare

Zegna riconosce però ai cugini transalpini la maggiore capacità di programmare e innovare: “I francesi programmano e innovano a tre anni. Io prima del Covid lo facevo stagionalmente”. E guardando ancora più avanti osserva: “Fra dieci anni non ci sarò più. Non è facile, soprattutto alla mia età ma è quello che il mercato chiede: i tempi della successione, a tutti i livelli, sono fondamentali”. L’ultima considerazione di Zegna è sulla Borsa. “È stato come passare dal campionato italiano alla Champions League. I membri indipendenti del Cda ti dicono le cose che pensano, poi sta a te decidere come rispondere. Dopo due anni e mezzo ho imparato tre cose: mai fare false promesse, essere onesto, e non nascondere gli eventuali problemi”. (mv)

Foto d’archivio

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×