Aziende familiari e fondi: i Torielli per la propria strada

Aziende familiari e fondi: i Torielli per la propria strada

La vigevanese Torielli prosegue lungo la strada del family business. A proposito del rapporto tra aziende familiari e fondi, la fornitrice di tecnologia per calzatura e pelletteria preferisce il primo gruppo. Non che non sia stata corteggiata da esterni, ma al momento si sente in grado di continuare sulle sue gambe. “Nessun pregiudizio, al contrario riconosciamo che molte operazioni sono vincenti”, commenta il patron Giovanni Torielli.

Il magazine
Sul numero 11 de La Conceria ci chiediamo (e vi chiediamo) quale sia, o quale debba essere, il rapporto tra aziende familiari e fondi. Al manifatturiero italiano, tradizionalmente composto da family business, si pone la sfida dell’apertura del capitale a nuovi soggetti.

Ecco i link
Per leggere l’intervista completa a Giovanni Torielli cliccate qui. Troverete anche gli altri casi che abbiamo raccontato. Abbiamo sentito, tra gli altri, esponenti del gruppo Finco, di Horween Leather e di Leombruni. Spunto per l’indagine è “L’Impresa Calzaturiera di Famiglia – Storie di una Generazione che Innova” (Università Cattaneo Libri).

Se non siete già abbonati, qui trovate tutte le formule per diventare nostri lettori affezionati.

Foto da Torielli

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati