Nuovo stile significa nuovo processo: il mercato dei macchinari per calzatura crescerà del 4,3% annuo fino al 2025

La tecnologia, la costante ricerca di nuovi stili e l’esigenza di ridurre i costi e i tempi di manifattura della scarpa saranno uno stimolo anche per l’industria delle machine per calzatura. Dopo aver chiuso il 2017 con un fatturato globale di quasi 17 miliardi di dollari, il segmento crescerà ad una media del 4,3% annuo sino a toccare oltre 23 miliardi entro il 2025. È la previsione di un rapporto edito da Allied Market Research, azienda di studi industriali con sede a Portland, che ha preso in esame i bilanci delle principali aziende del settore. Siamo dinanzi “al rapido cambiamento della moda che spinge alla creazione di scarpe con differenti forme e stili – spiega il rapporto – e i macchinari sono destinati a semplificare la manifattura migliorando la qualità. Questo incrementa la domanda di nuovi macchinari, mentre le migliori condizioni generali dell’economia fanno prevedere una crescita dei consumi e, di rimando, del settore dell’automazione calzaturiera”. Se gli investimenti iniziali richiedono un elevato sforzo finanziario, l’analisi di lungo periodo si rivela positiva soprattutto per le aziende di riferimento del settore come Atom, Brustia Alfameccanica e Comelz. Allied Market Reseaarch spiega che su base geografica il 2017 ha visto in prima fila l’area Asiatico-Pacifica, con crescita significativa a Taiwan, mentre l’Europa avanzerà ad un livello di crescita superiore alla media prevista (4,6%). (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati