Tech: la trade war inchioda il trimestre di Lectra

Il trimestre fiscale di Lectra è in calo

Le guerre commerciali inquietano i mercati. Lo sanno bene da Lectra, azienda francese specializzata nella costruzione di macchine da taglio per pelle e tessuti. Lectra ha chiuso il secondo trimestre dell’anno con un “calo significativo degli ordini“, come riferisce l’azienda stessa. Pesano le battaglie sui dazi combattute dagli USA con Cina e Messico, sommate a stime di una crescita più lenta. Risultato: molti clienti Lectra hanno “prestato maggiore attenzione, riducendo o ritardando le loro decisioni circa possibili nuovi investimenti”. Non ci si azzarda, insomma, ad affrontare spese importanti di fronte a un futuro incerto.

I numeri
Gli ordini per i nuovi sistemi sono stati inferiori del 22% rispetto al secondo trimestre del 2018″ spiega Lectra. “I ricavi sono stati pari a 70,2 milioni di euro, in contrazione del 6% (4% a cambi correnti). L’utile netto, pari a 6,9 milioni di euro, è stato stabile ai tassi di cambio effettivi rispetto al secondo trimestre 2018″.

Gli obiettivi
Il calo degli ordini si rifletterà sulle prospettive annuali, fissate lo scorso febbraio: crescita dei ricavi compresa fra il 3 e il 7%. Ora Lectra prevede un calo dei ricavi tra l’1 e il 5%. “Tuttavia un miglioramento delle situazioni, in particolare in caso di accordi nelle controversie commerciali tra Stati Uniti e Cina nonché tra Stati Uniti e Messico – comunicano da Parigi – potrebbe comportare un rimbalzo degli investimenti da parte dei clienti”.

Nell’immagine, screenshot di un video postato sul sito lectra.com

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati