Brasile, colosso della carne in vista: Marfrig e BRF studiano la fusione

Marfrig e BRF hanno aperto il tavolo negoziale per valutare l’ipotesi di fusione. Se le trattative andassero a buon fine, vedrebbe la luce un gigante della carne da 76 miliardi di real annui (circa 17,3 miliardi di euro), secondo player brasiliano pronto a lanciare il guanto di sfida al colosso JBS. Sono stati gli stessi diretti interessati, riporta O Globo, a comunicare ai mercati il tentativo di merger: i due consigli di amministrazione si danno complessivamente 120 giorni di tempo per arrivare a un risultato. Nei quattro mesi, si impegnano a non aprire nuovi tavoli negoziali con terze parti. Le due società intendono integrare le specificità non solo finanziarie, ma anche produttive: BRF gestisce 37 impianti produttivi nel mondo (32 in Brasile) ed è specializzata nelle carni suine e avicole; Marfrig, invece, è strutturata per abbattere oltre 33.000 bovini al giorno. Di recente Marfrig ha già acquisito proprio da BRF il controllo di Quickfood.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati