Per Cargill un trimestre amaro: calano i ricavi (-4%), tiene solo la carne rossa. Marfrig riapre il macello incendiato

Nel secondo trimestre dell’anno fiscale in corso i ricavi di Cargill hanno toccato quota 28 miliardi di dollari, vale a dire il 4% in meno su base annua. I guadagni netti del colosso statunitense nello stesso periodo (741 milioni) sono in calo del 20%, mentre i guadagni operativi (853 milioni) cedono il 10%. “In un contesto mondiale di incertezze – è il commento affidato a una nota da Dave MacLennan, ceo di Cargill – ci siamo impegnati a offrire ai nostri clienti il miglior servizio possibile”. La carne rossa nordamericana è l’unica nota positiva di un periodo difficile: sono cresciute sia la produzione, sostenuta dagli allevamenti, che la domanda nazionale e internazionale. A proposito di attività zootecniche nel continente americano, la brasiliana Marfrig ha ripreso a inizio gennaio le attività nel macello (capacità da circa 1.000 capi al giorno) chiuso lo scorso autunno per un incendio.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati