USA, l’allarme di Farm Bureau: il calo della pelle grezza azzoppa il giro d’affari dei byproduct zootecnici

Nel 2014, il valore complessivo dei sottoprodotti della zootecnia USA era di 16,8 miliardi di dollari. Fatta eccezione di un piccolo recupero nel 2016, negli ultimi anni il dato si è contratto in maniera continua, attestandosi intorno ai 9,1 miliardi di dollari ad agosto 2018: a tirare giù il giro d’affari è il calo costante e progressivo delle pelli grezze. Calo assoluto e relativo: la quota delle “raw hides” nel paniere dei sottoprodotti della carne valeva il 50% nel 2014, mentre è al 35% oggi. Sono le rilevazioni pubblicate da Farm Bureau, agenzia governativa di Washington. Il report contiene anche una spia d’allarme: la Cina, come sappiamo, rappresenta il primo sbocco commerciale per la materia prima conciaria statunitense. Che effetto avranno sul settore le tensioni commerciali tra gli States e Pechino è ancora da verificare, ma c’è da aspettarsi non positivo.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati