Fashion art addiction: colori pop, stampe ottiche ed estrema riservatezza. Louis Vuitton, Blahnik e Longchamp si ispirano ai maestri del pennello

Se il design dell’alta moda è un’espressione artistica, non c’è nulla di più naturale che le griffe si affidino, o si ispirino, ai grandi interpreti dell’arte. Lo fa, ad esempio, Louis Vuitton, che per la collezione Donna del prossimo autunno-inverno ingaggia nell’ufficio stilistico un collaboratore d’eccezione: Jeff Koons, campione statunitense della corrente neo-pop (che con marchi del gruppo LVMH, oltretutto, ha già collaborato). Sui termini della collaborazione, stando a quanto riporta la stampa internazionale, non si conoscono i particolari perché le parti avrebbe sottoscritto un’intesa con alto livello di riservatezza. È invece certo che Manolo Blahnik ha messo in vendita sulla piattaforma online Farfetch una capsule collection di 5 modelli di calzature (nella foto, un esemplare) ispirati, nelle forme e soprattutto nei colori, allo stile di Mark Rothko, esponente della Pop Art statunitense. Sophie Delafontaine, direttrice creativa di Longchamp, si è ispirata invece a Victor Vasarely, artista ungherese fondatore della Op-Art (dove “Op” sta per optical), per ideare le due stampe che caratterizzano la sua ultima collezione di borse.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati