Le Fashion Week Uomo schiacciate dal co-ed: New York unifica, Londra langue, Milano rinnova

0

Un avvicinamento che somiglia a un’unificazione. E un’unificazione che ha il sapore dell’assorbimento dell’elemento più debole da parte di quello più forte. La Fashion Week newyorchese rivede il calendario e colloca l’evento dedicato alla moda Uomo (5-7 febbraio) all’esatta vigilia di quello dedicato alla Donna (8-14 dello stesso mese). L’obiettivo, spiega a WWD il vicepresidente Marketing di CFDA (Council of Fashion Designers of America) Mark Beckham, è creare “un evento della durata di dieci giorni, senza più separare i calendari e con show suddivisi tra uomo, donna e co-ed”. D’altronde, e dalle colonne di questa testata lo raccontiamo da tempo, il modello tradizionale delle fashion week distinte per genere è da anni sotto la pressione delle griffe, che rivedono i propri canoni: da ultima, anche Balenciaga (gruppo Kering) ha dichiarato, dal prossimo appuntamento parigino, la conversione al co-ed. CFDA ha approntato una propria soluzione, sperimentale nella misura in cui non si sa se sarà replicata in estate. Soffre la Fashion Week Uomo londinese: come scrive Pambianco News, è ridotta “ad appena 24 sfilate” farcite da marchi “spesso sconosciuti al pubblico internazionale”. E Milano? In vista dell’appuntamento di gennaio, Carlo Capasa (Camera Nazionale della Moda Italiana) spiega a MFF che la ricetta per governare la trasformazione è realizzare “un nuovo format del calendario che riunisce presentazioni e sfilate. I vecchi confini non esistono più – conclude –. Abbiamo sentito l’esigenza di cambiare il concetto stesso del proporre le collezioni con una forte presa di posizione rispetto al passato”.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso