Le PMI ci spiegano le soluzioni per cavarsela nel mercato bipolare

Le PMI ci spiegano le soluzioni per cavarsela nel mercato bipolare

Il titolo del numero 7/8 de La Conceria è “C’è chi può e chi non può”. Perché accende i riflettori su questa congiuntura di mercato bipolare, dove i pochi grandissimi gruppi della moda si muovono con una nonchalance che gli altri, soprattutto i medi e i piccoli, non possono condividere. Ecco, è soprattutto su di loro che concentriamo la nostra attenzione. Se la grandeur delle holding è quasi auto-evidente, come se la cavano le aziende artigiane e i brand indipendenti? La risposta nell’articolo dal titolo “Chi non programma è perduto”.

 

 

La sfida nel mercato bipolare

Il quadro che emerge dalle nostre interviste è la necessità di resistere, da un lato. E l’esigenza di tenere la barra dritta nella tempesta, dall’altro. Con chi ne abbiamo parlato? Con Gianluigi Baracco del calzaturificio Henderson e Antonio Putzolu del calzaturificio Barrett, per fare qualche esempio. Nonché con Gianni Dori, CEO di Rodo, e con Ettore Lami, titolare del calzaturificio Lamica. Il nostro mensile, in diffusione tra gli abbonati, offre il loro punto di vista, e molto di più.

Clicca qui per sfogliare il n. 7/8 del mensile La Conceria

Qui se non sei abbonato e vuoi scoprire le formule di sottoscrizione

in foto un momento dell’ultimo Expo Riva Schuh

 

Leggi anche:

 

 

Le PMI ci spiegano le soluzioni per cavarsela nel mercato bipolareLe PMI ci spiegano le soluzioni per cavarsela nel mercato bipolare

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×