Philipp Plein forse vende, ma per 700 milioni non si siede neanche al tavolo delle trattative. Anzi no: compra Cavalli!

Philipp Plein potrebbe cedere il controllo del piccolo impero della moda che ha creato, ma per 700 milioni di euro non si siede neanche al tavolo delle trattative. Il designer e imprenditore tedesco, che ha fondato un gruppo della moda da circa 300 milioni di fatturato annuo con sede in Svizzera e tre marchi nel suo controllo (Philippe Plein, Plein sport e l’acquisita Billionaire), si starebbe guardando intorno alla ricerca di nuovi soci. Già lo scorso autunno, intervenendo durante il Pambianco Fashion Summit, Plein si diceva pronto a operazioni di merger & acquisition. Sembrando, però, più intenzionato a interpretare il ruolo del compratore: “Ci sono molte opportunità nel mercato – le sue parole –, sebbene le società di moda indipendenti siano poche, la maggior parte appartiene già a grandi gruppi o ha debuttato in Borsa”. Ecco, secondo il Sole 24 Ore, invece, l’imprenditore tedesco ha affidato a Mediobanca il compito di advisor per cedere il controllo della società: sul dossier ci sarebbero già le attenzioni di grandi fondi come Carlyle, Advent e Permira. Lo stesso Philipp Plein, riporta il quotidiano economico-finanziario, ha risposto via social che per la cifra fin qui ventilata per la cessione, 700 milioni di euro, “non si sarebbe nemmeno seduto al tavolo con gli acquirenti”, lasciando ipotizzare che il prezzo di partenza fissato è di almeno 800 milioni. Ma visto che con Plein le sorprese non finiscono mai, il Sole 24 Ore rilancia una nuova indiscrezione: ci potrebbe essere anche lui, insieme a Renzo Rosso, tra i candidati all’acquisto di Cavalli. Anziché vendere, compra.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati