Thom Browne e J. Crew per Michelle al secondo insediamento di Obama

Dopo quattro anni da First Lady, Michelle Obama non ha avuto timori e ai due balli a cui ha partecipato ieri sera era pronta ad indossare un eclatante vestito rosso. Lo stilista? Jason Wu. Le scarpe? Jimmi Choo. Wu, che è stato sorpreso dalla scelta, ha stappato le bottiglie di champagne nel suo workshop (dove prepara le collezioni autunnali) di New York, dove sta preparando le collezioni autunnali e in cui assisteva agli eventi via CNN.  Il mondo della moda ha atteso con curiosità la selezione di vestiti che avrebbe scelto Michelle più del discorso del marito Obama per la cerimonia del suo secondo insediamento alla presidenza degli Usa. Per gli impegni delle ore precedenti (messa, discorso inaugurale e parata) Michelle (nella foto insieme al marito) ha indossato vestito e cappotto di Thom Browne ispirati ai micro disegni delle cravatte di seta (creati per la collezione maschile) abbinati a cintura e guanti J. Crew, catena di negozi di livello medio. Ai piedi, stivali in camoscio firmati Reed Krakoff, amministratore delegato di Coach che ha iniziato anche l’attività di stilista. Total-look J. Crew,  dalle scarpe al cappotto, per la figlia Malia (15 anni), mentre la sorella Sasha (11) ha optato per Kate Spade. Michelle Obama è considerata una trend-setter, per l’abilità di abbinare capi di alta moda (preferibilmente firmati da stilisti americani) con altri da mass market, acquistati on-line da GAP, Target o J. Crew.  (p.t.)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×