Il 2016 della pelle USA è in chiaroscuro: l’export cresce in volumi, ma crolla in valore. Tyson ristruttura i vertici

La variazione percentuale è tonda: -10%. Il fatturato dell’export di pelli bovine, suine e semilavorate degli USA nel 2016 è di 2 miliardi di dollari, in calo drastico (-10%, appunto) rispetto a 2015. Il dato, però, rispecchia solo l’andamento in valore. Quello in volume segnala un trend diverso: l’export delle pelli grezze sotto sale, che da sole costituiscono una maxi-fetta della torta da 1,4 miliardi di dollari, hanno ad esempio ceduto il 5% in quanto a volume d’affari, ma hanno guadagnato il 13% in quantità. Allo stesso modo le wet-blue nei 12 mesi hanno fatturato all’estero il 19% in meno, ma aumentato del 12% il volume. La Cina, che compra il 59% del prodotto statunitense, rappresenta il primo cliente e anche la prima ragione del rallentamento. Secondo USHLA, l’associazione nazionale della pelle, prevede un 2017 di uniforme ripresa. A proposito di USA, il big della carne Tyson Food ha definito il team del nuovo ceo Tom Hayes: Donnie King sarà il presidente della divisione North American Operations, Sally Grimes si prenderà carico del North American Ratail e Andy Callahan del North American Food Services. Rimane ancora scoperta, invece, la casella del Chief Sustainability Officer.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati