Con Brexit la moda UK si fa autarchica: online il database clienti e fornitori britannici

Caroline Rush (nella foto), numero uno del British Fashion Council, ha spiegato che il servizio è stato concepito innanzitutto per giovani designer e brand emergenti, quelli che più di tutti hanno bisogno di uno strumento per esplorare la mappa della moda britannica. E, d’altronde, lo sviluppo del progetto è avvenuto all’interno del programma Positive Fashion, teso alla formazione e alla diffusione dell’imprenditorialità. Ma è difficile non leggere nel British High-End Manufacturers Database, il portale presentato ieri che mette in contatto griffe, stilisti e manifatture inglesi, un riflesso della riorganizzazione del sistema moda londinese. Al progetto con BFC hanno collaborato la Oxford University e la British School of Fashion della Caledonanian University. Se all’orizzonte si profila un equilibrio europeo per il quale per i brand inglesi risulterà più caro produrre nel Vecchio Continente, tanto vale che sappiano come arrangiarsi in casa.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati