Fucecchio, appartamento convertito in tomaificio clandestino: nei guai un italiano e un cinese

Avevano trasformato un appartamento in un tomaificio senza alcuna autorizzazione e ora hanno 90 giorni di tempo per eliminare macchinari e arredi. È accaduto a Fucecchio (Firenze), in via Tea, dove i vigili urbani hanno individuato un tomaificio abusivo. L’attività sarebbe stata allestita irregolarmente all’interno di un appartamento di proprietà di un cittadino italiano, ma affittato a un imprenditore cinese: le parti delle calzature sarebbero state realizzate in uno dei locali del piano terra, dove altre due stanze sarebbero state adibite a magazzino mentre negli ultimi due locali del piano sarebbero state presenti tre macchine da cucire, tre tavoli da lavoro e quattro macchinari. A causa del cambio di destinazione, proprietario e affittuario sono ora stati obbligati a eliminare arredi, macchinari e impianti ripristinando la situazione originaria. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati