India: 700 concerie minacciate di chiusura perché inquinano il Gange

In India, il Tribunale Ecologico Nazionale (organismo governativo in attività dal 2010) ha emesso mercoledì scorso un avviso con cui minaccia di chiusura 700 concerie che operano sulle rive del Gange, a Kanpur. La decisione arriva dopo l’ispezione condotta da un gruppo di esperti che include il presidente dello stesso Tribunale, rappresentanti dell’Ufficio Ecologico dell’Uttar Pradesh, di quello nazionale, del Ministero dell’Ambiente e Foreste e dell’Autorità del delta del Gange. “La vita di milioni di cittadini non può essere messa a repentaglio dall’attività commerciale di un gruppo di persone. Non esiteremo a colpire laddove occorre un equilibrio tra sviluppo e ambiente” ha scritto nella sua dichiarazione Swatanter Kumar, presidente del Tribunale Ecologico. Il quale ha attaccato gli stessi uffici che hanno inviato rappresentanti all’ispezione: “Se tutti gli organi competenti non agiranno con senso di responsabilità sociale, saremo costretti a ordinare la chiusura delle 700 concerie di Kanpur”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati