India: più export, ma i calzaturieri protestano

L’area pelle indiana ha ottenuto un significativo incremento dell’export nell’ultimo trimestre riportato, quello aprile-giugno. Le esportazioni sono aumentate del 22,7%, pari a 1,6 miliardi di dollari, con il conciato finito a 380 milioni (+16,4%). Il calzaturiero ha fatturato 545 milioni per un aumento del 30%. In termini di manifattura, si registra la recente presa di posizione di All India Footwear Manufacturers & Retailers Association (Aifmra), che ha inviato una nota di protesta al governo in cui si afferma che le “tariffe fiscali rendono sempre meno competitivo il prodotto. L’import da Cina, Vietnam e Cambogia è cresciuto del 300 per cento nell’ultimo triennio”. La calzatura subisce “fra le più alte tassazioni tra le merci domestiche”, con cifre che partono dall’8%, a cui vanno aggiunti i dazi statali del 12-15% e quelli comunali del 2-5%. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati