La scarpa di Montebelluna aggrega istituzioni e trova modi “innovativi” per promuoversi. Mostra interattiva al Museo dello Scarpone

La video-arte, con tanto di cannocchiale (nella foto) racconta le imprese del distretto calzaturiero di Montebelluna (Treviso). Il Museo dello Scarpone della cittadina veneta ospiterà infatti fino al 31 maggio la mostra Artificare l’Impresa, realizzata grazie a una parte del finanziamento da 230.000 euro con cui la Regione Veneto ha sostenuto il progetto SportMuse. L’iniziativa ha aggregato Museo, Università Ca’ Foscari, IUAV e imprese locali con l’obiettivo di innovare il marketing territoriale raccontando l’attività delle aziende in maniera contemporanea, ma anche organizzare eventi di formazione e sostenere il rinnovamento del Museo. All’interno delle sale trovano ora, infatti, posto installazioni interattive che raccontano in maniera più coinvolgente le aziende del territorio, nonché un percorso espositivo dedicato ai grandi campioni dello sport di cui sono esposte scarpe, scarpini e scarponi per oltre 300 modelli: dalle La Robusta dello scalatore Simone Moro ai Lange di Alberto Tomba, dalle Mgm di Pietro Mennea alle Gaerne di Mario Cipollini, fino alle Diadora di Roberto Baggio, le Lotto di Andrij Shevchenko e quelle di Zico ai tempi dell’Udinese.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati