Per macellare le mucche si rischia la pelle: nel Gujarat (India) il governo propone la pena di morte per chi tocca l’animale sacro

Tra una settimana potrebbe già essere legge in vigore. Lo Stato del Gujarat ha proposto l’introduzione della pena di morte per chi macella le mucche. Non che adesso chi viene trovato a lavorare le carcasse degli animali sacri per gli Indù se la cavi bene: paga una multa equivalente a 700 euro. Ma secondo Vijay Rupani, governatore dello Stato e appartenente al partito ultranazionalista e induista Bharatiya Janata, non è abbastanza: “Vogliamo rendere la legge più severa”. Il romanzo (horror) delle condizioni di lavoro nell’industria della carne e della pelle in alcuni stati dell’India si arricchisce di un nuovo capitolo. Già gli addetti ai lavori, spesso musulmani o Dalit (membri della casta degli Intoccabili) che raccolgono le mucche morte per cause naturali, sono marginalizzati e perseguitati. Adesso mettono a repentaglio la propria vita.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati