Una esplosione nel tomaificio investe un operaio che viene gravemente ferito

È accaduto ieri sera a Montecosaro (Macerata). Nel laboratorio si trovavano un pakistano e un quarantenne di origine indiana che stava sistemando un bidone vuoto, utilizzato per il solvente. Secondo le prime ricostruzioni, l’operaio indiano avrebbe agito con un frullino per tagliare il fusto, ma durante l’operazione il gas rimasto all’interno del contenitore, avrebbe innescato delle scintille che hanno poi provocato un’esplosione. Per fortuna la scarsa quantità di materiale infiammabile presente ha provocato la sola esplosione senza innescare fiamme. L’operaio indiano è stato investito in pieno dall’esplosione riportando ferite alla mano e alle gambe. Sul posto sono giunte due squadre di pompieri da Macerata, una da Civitanova, l’ambulanza del 118, i Carabinieri di Montecosaro e di Civitanova Marche per i rilievi sulla dinamica dell’incidente e l’ispettore del Servizio prevenzione e sicurezza ambiente e lavoro dell’Asur per accertare le condizioni ambientali in cui è avvenuto l’episodio. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati