Benedetto crowdfunding: il caso delle borse francesi in pelle Voline

Vive in Francia, produce in Francia, ma nelle sue vene scorre anche sangue italiano, quello che, con tutta probabilità, l’ha portata ad avere una precisa attrazione per la pelle. Figlia e nipote di imprenditori della pelletteria, Pauline Volpe è stata affascinata da questo materiale alcuni anni fa, quando il fratello Brice gli mostrò una borsa in pelle di pitone di un cliente dell’azienda di famiglia. Fu amore a prima vista. I due fratelli decidono allora di unire le loro competenze e lanciarsi in un’avventura imprenditoriale. Brice ci mette la sua grande manualità, Pauline la passione per l’arte e la moda. Nel 2015, come racconta il quotidiano L’Echo Republican, la giovane imprenditrice riesce prima a ottenere una borsa di studio attraverso il Fongecif (Fondo francese di gestione per il congedo di formazione individuale) e conseguire il diploma come stilista e modellista, successivamente a fondare il suo brand Voline. Giorno dopo giorno i progetti creativi di Pauline Volpe vanno a comporre una vera e propria collezione che ora, grazie a un fondo di 10.000 euro raccolti con una campagna di crowdfunding, è pronta a vedere la luce. Il lancio delle borse in pelle firmate Voline, totalmente realizzate e commercializzate in Francia attraverso internet, è previsto tra dieci giorni.

Foto tratta da voline.fr

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati