Borsa adriatica attiva

Tra Macerata e Teramo c’è una produzione diffusa di pelletteria, con caratteristiche distinte: più marchio proprio a nord, più terzismo a sud. I nemici non sono i cinesi, ma i “furbetti” che lavorano all’estero e si spacciano per “made in Italy”. I buyer chiedono esplicite dichiarazioni di prodotto realizzato in Italia. Interviste a Francesco Gualini (Pelletteria Corso 11), Laura e Sandra Nepa (Laura Pelletteria), Lauro Alessandrini (Pelletterie Avorio), Francesca Orlandi (Valentino Orlandi).
Tratto dal settimanale Mdp La Conceria, n.17/2013

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati