False borse cinesi, sequestri a Prato

Maxi operazione a Prato contro la contraffazione. 110 mila tra borse, accessori e minuterie metalliche, oltre a 1.000 mq di tessuto Gucci e Vuitton contraffatti, 19 macchinari utilizzati per la produzione, tra cui punzoni, presse e cucitrici sono stati sequestrati dalla Guardia di Finanza in un’operazione condotta tra Prato e Sesto Fiorentino e che si è sviluppata nel contesto del “Patto per Prato Sicura”. Denunciati all’autorità giudiziaria fiorentina due cinesi e sequestrato l’immobile dove venivano realizzate le lavorazioni delle false griffe. Il laboratorio clandestino poteva vantare una produzione pressoché illimitata grazie anche all’utilizzo di matrici di ottima qualità, che permettevano di riprodurre fedelmente i marchi griffati di case di moda come Gucci, Vuitton, Prada e Tod’s. L’operazione è nata da un normale controllo stradale a una autovettura condotta da un cinese, all’interno della quale le Fiamme Gialle hanno trovato e sequestrato circa mille borse Louis Vuitton contraffatte. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati