Francia, la pelletteria continua a investire: nuove fabbriche per Hermès e Rioland. La formazione? Tutta interna

La pelletteria guida lo sviluppo industriale francese. Montereau-Fault-Yonne, una cittadina a 90 chilometri da Parigi, negli ultimi anni ha cambiato volto e sta crescendo. Il merito? I molti insediamenti finanziari e produttivi, tra cui quello di Hermès. Qui, non lontano dalla conceria Gordon-Choisy, da vent’anni di proprietà della maison parigina, proprio Hermès sta per aprire un nuovo stabilimento in cui produrre accessori in pelle. Il sito darà lavoro a 250 dipendenti, il cui reclutamento è già iniziato “a km zero” in attesa di avviare tutti al percorso di formazione della durata di 18 mesi. In cinque anni lo stabilimento funzionerà a pieno regime e al suo interno verranno prodotti borse, portafogli e altri accessori di pelletteria.
270 chilometri più a sud, intanto, Maroquinerie Rioland ha aperto, nei giorni scorsi, i battenti di una nuova sede. Si tratta dello stabilimento produttivo di Chateauroux, comune del Centro-Valle della Loira. I vertici dell’azienda hanno annunciato l’assunzione di un centinaio di persone entro i prossimi tre anni. Una manna dal cielo per quest’area della Francia, dove il tasso di disoccupazione supera dell’8% la media nazionale (9,3%), e a maggior ragione considerando che Maroquinerie Rioland non pone paletti alle candidature: per provare a ottenere un posto non è necessario possedere alcuna qualifica perché l’azienda ha previsto la creazione di una scuola di formazione interna. Per l’apertura sono già state assunte 20 persone, a cui la prossima settimana se ne aggiungeranno altre 8. Nella foto, tratta da actu.fr, l’interno di uno stabilimento Hermès.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati