Il vecchio Continente per qualcuno è ancora giovane: Coach punta a crescere in Europa, “per le sue enormi potenzialità”

Può sembra strano, ma la nuova frontiera di Coach è proprio l’Europa. “Per noi è un mercato giovane, con enormi potenzialità: il 2015 si è chiuso con un fatturato di 135 milioni di dollari e una crescita a doppia cifra – dichiara a La Repubblica il ceo Victor Luis -. Sul medio termine miriamo ai 500 milioni di dollari di vendite: credo che gli europei colgano perfettamente la nostra cultura della qualità”. Il brand ha infatti da poco inaugurato un nuovo store a Londra, uno a Milano, in via Monte Napoleone, cui seguirà a breve Firenze. Dopo alcuni anni di rallentamento, oggi il marchio è tornato a crescere a livello internazionale: nell’ultimo trimestre del 2016 i ricavi netti sono saliti del 21% e, mentre in Giappone è il secondo marchio più popolare, i ricavi delle vendite al netto nel secondo quadrimestre fiscale sono di 1,20 miliardi di dollari. “Lavoro a questa strategia dal 2013, un periodo molto delicato: eravamo circondati da competitor che avevano saturato il nostro segmento commerciale, e avevamo smesso di investire tanto nel marketing quanto nel retail e nella ricerca stilistica”, spiega ancora il manager. “Sapevamo però di essere il brand di pelletteria più amato d’America, e da lì siamo ripartiti”. Coach nasce a Manhattan nel 1941 su iniziativa di 6 artigiani: è proprio nei prodotti in pelle che trova la sua forza per rilanciarsi, lavorando sui principi alla base del marchio per renderli attuali. Da qui è nato “il concetto di lusso moderno che oggi è il nostro motto” specifica Luis, indicando nella scelta del direttore creativo Stuart Vevers (ex Loewe) una strategia fondamentale per tracciare una nuova era per Coach. (mvg)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati