Cina, la pelliccia IGP di Suning

La città di Suning, nella provincia settentrionale dello Hebei, è nota per essere la “capitale cinese della pelliccia”. Ora ha ricevuto da parte dell’Ufficio governativo per la Supervisione della qualità un prestigioso riconoscimento: tutti i capi in pelliccia e gli articoli in pelle prodotti a Suning e nelle aree limitrofe godranno di una sorta di attestato di Indicazione Geografica Protetta, che attesterà l’originalità della provenienza degli articoli in vendita. Nella zona, distante poco più di 100 chilometri da Pechino e Tianjin, la confezione di capi in pelle e pelliccia viene effettuata da circa 500 anni, più o meno dai tempi della tarda dinastia Ming. Negli ultimi anni a Suning è stata creata un’intera filiera, dagli allevamenti agli stabilimenti per la lavorazione delle pelli e al loro commercio; si stima che oltre 100 mila persone siano impiegate nel settore, all’interno di circa 1.300 aziende. Il distretto di Suning, i cui prodotti vengono esportati in più di una trentina di Paesi (Italia compresa), genera un fatturato annuo di 11 miliardi di yuan, pari a 1,42 miliardi di euro. (ap)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati