2012 magro per i consumi, secondo l’Osservatorio Acquisti CartaSì


È stato pubblicato il Barometro Cashless dell’Osservatorio acquisti di CartaSì, che conferma le impressioni raccolte tra i commercianti di moda e accessori: lo scorso anno gli italiani hanno tagliato pesantemente i consumi di abbigliamento e calzature.

Nel 2012, le spese effettuate con carta di credito in Italia sono state pari a 76,3 miliardi di euro, di cui il 13,7% (pari a 10,5 miliardi) riguarda l’abbigliamento e le calzature (in flessione del 7,2% rispetto al 2011).
Si salvano gli acquisti online, eseguiti principalmente con carta di credito prepagata, che sono risultati pari all’11% del totale.
Sul totale del settore moda, la quota dominante è dell’abbigliamento, con l’89,7% del fatturato complessivo (9,4 miliardi, -7,2% sul 2011).  Seguono a grande distanza le calzature (9,3%) con acquisti pari a 970 milioni di euro (-8,3%), gli accessori moda (0,9%) con 91 milioni (+3,9%) e le pellicce (0,2%) con 17 milioni di euro (-14,5%).
Tra le singole regioni, limitano i danni Liguria e Veneto (-2,4%) e crollano le zone del sud, con Campania, Basilicata e Calabria a far segnare cali prossimi al 20%. La Lombardia, prima regione per consumi, perde il 4,3%.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati