A Mosca gli scontrini di Milano: i grandi magazzini russi tagliano i prezzi del lusso per rilanciare i consumi

Prezzi del lusso in ribasso nei grandi magazzini russi. Lo TsUM di Mosca e il DLT di San Pietroburgo, due dei principali shopping mall del gigante euroasiatico, ripetono l’operazione promozionale nello scorso febbraio con “Il prezzo più conveniente”. Alcuni centri commerciali russi hanno scelto di uniformare i prezzi luxury con quelli internazionali. Per comunicare ai clienti che i cartellini sono tarati ai livelli di quelli italiani, negli store sono comparsi cartelli del tipo: “Milan prices for everything”. Secondo il portale “Style” dell’agenzia russa RBC il prezzo delle vetrine russe è più alto rispetto a quello italiano del 9%, del 18% rispetto a Londra e del 40% rispetto a Dubai. Tra i marchi presi in esame da “Style” ci sono Giorgio Armani, Alexander McQueen, Ralph Lauren, Valentino, Tom Ford, Bottega Veneta, Brioni, Canali e Dolce & Gabbana. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati