A Milano Moda Donna la pelle sfila dalla testa ai piedi

A Milano Moda Donna la pelle sfila dalla testa ai piedi

Ieri terzo giorno di sfilate, con altri big in passerella, nelle diverse location che ospitano Milano Moda Donna. Partiamo dalle dame di corte di Moschino che hanno parrucca settecentesca, ma moderni abitini in pelle con rigoroso chiodo nero. E passiamo a Tod’s, che fa sfilare outifit comodi e rassicuranti anche nei colori. Per esempio, verde militare, tortora, bordeaux. La pelle compare anche nei bustier ed è la protagonista dei cappotti di taglio regolare. Le borse sono piccolissime. Interessante il match lucido-opaco ad effetto patchwork.

Marni, Emporio Armani e Sportmax

Il concetto si fa più esteso nella sfilata di Marni dove la pelle impera trattata in mille modi sempre mixed. Tamponata, glietterata, lucida, dipinta, metallizzata in abbinamento ad eleganti damascati. Pelle per i cappotti lunghi alla caviglia e per abitini o per gilet, tutti abbinati a sneaker in tono. Collezione centratissima quella di Emporio Armani, impostata sui toni scuri. Tra i capi spalla e i classici blazer, spuntano giacchini corti in pelliccia. Anche Re Giorgio predilige borsine con catenella e calzature sfilate, sempre nel segno della misura e della pulizia delle linee.Da Sportmax è il trionfo del cuoio in tutta la sua naturale perfezione. Ogni capo ha almeno un dettaglio in pelle ed è accompagnato da stivali fascianti effetto collant. Poi splendidi tailleur/pantalone, trench di taglio classico, ma soft touch (li ha presentati anche Romeo Gigli) e miniabiti in nuance calde. Le borse sono capienti secchielli forati, sempre in cuoio.

 

 

Fratelli Rossetti, Paciotti, Casadei

Fratelli Rossetti ha presentato una collezione di mocassini e monk strip multicolor; Santoni si è dedicato alla ricerca dell’effetto tartan anche sulla pelle degli stivali, Paciotti ha lavorato su nuovi tacchi per décolletées avveniristiche. Casadei ha laserato e ricamato i camperos in suede.

I classici

Anche Fabiana Filippi ha attinto a piene mani alla pelle. Colore di punta: testa di moro. Con le dovute differenze, ha lavorato nel solco di Brunello Cucinelli, che manda in scena una quotidianità elegante, ma concreta, molto attenta ai materiali naturali che vedono la pelle capofila.

Immagini tratte da cameradellamoda.it

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati