Workshop ICEC, Bottega Veneta: “La tracciabilità significa trasparenza per la filiera”

Un confronto aperto tra concerie e clienti ha arricchito il workshop organizzato da ICEC, l’Istituto di Certificazione della Qualità per l’Area Pelle, “La tracciabilità delle pelli e degli articoli finiti: come garantire l’origine delle materie prime?”, che si è svolto ieri (7 settembre) a Santa Croce sull’Arno, presso la sede di PoTeCo (Polo Tecnologico Conciario). Il direttore di ICEC, Sabrina Frontini (nella foto), ha illustrato i servizi che l’ente mette a disposizione in materia di sostenibilità e tracciabilità, sottolineando due elementi fondamentali: riservatezza e autorevolezza dei dati. “Le informazioni sensibili fornite dalle aziende rimangono assolutamente riservate- specifica -. Ogni dato raccolto da ICEC è documentato, non accettiamo auto dichiarazioni da parte delle concerie”. Oltre alle esperienze di investimento sulla tracciabilità della materia prima raccontate dalle concerie presenti: Russo di Calandrino, Volpi Concerie, Reptilis e Vignola Nobile. L’incontro ha portato anche in evidenza la testimonianza di Bottega Veneta. Qual è il valore della tracciabilità della pelle per la griffe? “Innanzi tutto la trasparenza della filiera – ha spiegato Sonia Liani in rappresentanza della maison del gruppo Kering, intervenuta per raccontare il caso delle borse Cabat -. Sapendo esattamente tutto ciò che succede nel processo che intercorre dall’allevamento al prodotto finito, avere sotto controllo questo lungo percorso con sicurezza e trasparenza dà certamente un valore aggiunto al prodotto finito. Si garantisce anche il welfare animale, un aspetto molto sensibile al consumatore finale”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati