L’arte si fa in pelle: Simone Tops, dai musei agli accessori

L'arte si fa in pelle: Simone Tops, dai musei agli accessori

Musei chiusi. Nessuna installazione. E allora l’arte si fa in pelle. Simone Tops è un’artista australiana che ha esposto al Monash University Museum of Art (MUMA), all’Australian Centre for Contemporary Art e alla RMIT Gallery di Melbourn. Ma non ha voluto cedere alle conseguenze di CRV sul suo lavoro. Così, ha continuato a seguire la propria musa avventurandosi nella lavorazione della pelle. Una passione che ha dato vita a un marchio, a una collezione di calzaturee a una prossima linea di borse.

Musei chiusi

Insieme a CRV, in tutto il mondo è arrivato, a ritmi alterni e con modalità differenti, anche il lockdown. Un po’ alla volta hanno chiuso praticamente tutte le attività, compresi gli spazi culturali come i musei. Un duro colpo per gli artisti che vi espongono come Simone Tops. “Non mi piace vedere il nostro settore trattato come se conducesse a percorsi di carriera illegittimi – spiega l’artista australiana a theage.com.au che racconta la sua storia -. Il paradigma del lavoratore a tempo pieno è finito ed è tempo che il governo sia flessibile rispetto ai modi in cui i creativi hanno vissuto per secoli”.

L’arte si fa in pelle

Di fronte a tutte queste nuove difficoltà, Tops ha riadattato la propria ispirazione alla pelletteria. Con la compagna di studi Claire Bestha sviluppato una linea di pantofole e sandali di lusso in pellee dato vita al marchio In Haus Projects. Un primo passo verso una nuova carriera? Può essere. Nell’aria c’è, infatti una collezione di borse in pelle.

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati