Calzatura italiana: il quadro dell’export regionale (che premia, Veneto, Lombardia e Puglia) e il dibattito marchigiano

Primo trimestre 2018: l’export calzaturiero premia Veneto (+3,8%), Lombardia (+8,4%) e Puglia (+8,5%), ma boccia Marche (-3,9%) e Campania (-13,7%), negative anche nel 2017, a cui si sono aggiunte Toscana (-2,5%) e Emilia Romagna (-11,7%). Per le Marche continua la discesa in una situazione che, invece di avviarsi verso un miglioramento, sembra aggravarsi sempre più, anche considerando i dati negativi dell’export verso la Russia che invece aveva chiuso il 2017 in recupero. “La situazione è critica. Continuiamo a registrare abbassamenti di fatturato e cali di mercato. La Russia non è in ripresa (-10% nei primi tre mesi 2018), inutile raccontare una storia diversa” ha detto il vicepresidente di Confindustria Centro Adriatico Giampietro Melchiorri, che punta sulle seguenti azioni: ammortizzatori sociali (la più urgente), politiche per l’internazionalizzazione e nuovi mercati (a medio termine), formazione, tutela del made in Italy (a lungo termine). Senza dimenticare la richiesta di area di crisi complessa inviata al MISE dalla Regione Marche e sottolineando “la necessità di promuovere anche iniziative di incoming per avvicinare i buyer al Fermano, aiutando le imprese che non riescono più ad andare nel mondo e facendo squadra con i consorzi che esistono, con i colleghi di Macerata e insieme agli artigiani” ha ribadito il presidente dei calzaturieri di Confindustria Centro Adriatico Enrico Ciccola. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati