Lucca, il calzaturificio Petrini rischia la chiusura

L'Area di Crisi Complessa di Fermo e Macerata

Il calzaturificio Petrini (in provincia di Lucca) starebbe per cessare l’attività. I suoi 22 dipendenti rischiano di rimanere senza lavoro. L’allarme, lanciato dalle organizzazioni sindacali, è stato raccolto da varie testate, tra cui Il Tirreno. Franco Galeotti, segretario generale Filctem CGIL Lucca, afferma: “La notizia della cessazione l’abbiamo appresa a metà della scorsa settimana, momento dal quale attendiamo ancora di vedere i necessari atti concreti e conseguenti”.

La crisi di Lucca
La crisi del calzaturificio Petrini racchiude il momento negativo che sta attraversando il settore della calzatura nella provincia di Lucca. Riprova ne è stata anche la chiusura del calzaturificio Lenci avvenuta nel dicembre scorso. Ma ce lo dicono anche i dati elaborati da Assocalzaturifici. Nei primi sei mesi del 2019, le esportazioni di calzature della provincia di Lucca sono scese del 16,4% su base annua. Nell’intero anno 2018, intanto, l’export si era ridimensionato ancora del 16%.

Eccezioni positive

Non mancano, però, le aziende con un ottimo andamento. È il caso del Calzaturificio Claudia, sempre di Segromigno in Monte, di recente acquisito dalla società di private equity Consilium. (mv)

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati