Per Geox è un 2019 difficile: conti in rosso, ma finanze migliori

Per Geox è un 2019 difficile: conti in rosso, ma finanze migliori

Conti in rosso, ma finanze migliori. Il 2019 è stato per Geox un anno difficile. I dati su vendite e andamento dei mercati appena approvati e resi noti dall’azienda trevigiana di calzature lo testimoniano. Nei passati 12 mesi Geox ha ottenuto ricavi per 805,9 milioni di euro, il 2,6% in meno dell’anno precedente a cambi correnti. Il 3,3% in meno a cambi costanti. L’amministratore delegato Livio Libralesso ha evidenziato come pesi uno scenario internazionale molto teso, a cui si aggiungono nell’ultimo periodo i problemi da Coronavirus. Ma ci sono anche note positive. A fine anno la posizione netta finanziaria è risultata pari a 6,6 milioni di euro, vale a dire 2,3 milioni in più rispetto alla fine del 2018.

Conti in rosso ma finanze migliori

Il contesto è di difficoltà, dicevamo. Ci sono state “tensioni sociali e politiche in numerosi mercati importanti (principalmente Francia e Hong Kong)”. Non solo, ma anche “relazioni significativamente diverse all’interno dell’UE (a causa della Brexit)”. In più “l’intero settore ha anche dovuto affrontare profonde e continue modifiche al comportamento di acquisto dei consumatori, con soluzioni digitali sempre più popolari”. Per questo, spiega Libralesso in una nota, “le vendite di Geox sono state principalmente colpite dalla chiusura di numerosi negozi all’ingrosso e in franchising, di conseguenza sia delle difficili condizioni che hanno spinto fuori dal mercato alcuni attori minori, sia del più selettivo approccio di Geox”.

 

 

I risultati

I ricavi dei multimarca (44,7% dei ricavi del gruppo) hanno toccato i 360,4 milioni (-2,6%), quelli del franchising (il 10,5% del gruppo) sono stati di 84,3 milioni (-14,3%). Quelli dei negozi a gestione diretta (44,8% del gruppo) sono invece cresciuti a 361,1 milioni (+0,6%). “Geox si è concentrata su misure per confermare la solida posizione finanziaria del gruppo – conclude Libralesso -. Quella finanziaria netta è effettivamente migliorata, raggiungendo 6 milioni di euro in contanti, dopo aver effettuato investimenti per 33 milioni di euro e acquisti per circa 5 milioni di euro in azioni proprie“.

La lotta al virus

Nel quarto trimestre dell’anno il trend è stato in netto miglioramento. Le vendite sono infatti cresciute del 4,9% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Poco dopo si è però abbattuta a livello mondiale la piaga Covid-19. “L’anno è iniziato bene, con i nostri negozi che hanno registrato performance di vendita positive – riprende Libralesso -. Nel febbraio 2020, i recenti sviluppi legati allo scoppio del nuovo Coronavirus stanno colpendo il passaggio in negozio e le vendite, soprattutto nei Paesi più colpiti dalla diffusione del contagio”. (art)

Nell’immagine: a sinistra il fondatore di Geox, Mario Moretti Polegato (Imagoeconomica), a destra un modello tratto da geox.com

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati