Incidente da Unichimica (Arzignano): l’operaio ferito non ce l’ha fatta

Non ce l’ha fatta Antonio Orlandi, l’operaio di Unichimica di Arzignano, coinvolto nell’esplosione avvenuta lo scorso giovedì mattina nell’azienda veneta. Il 57enne era stato scaraventato a terra in seguito alla deflagrazione causata dal contatto accidentale tra sodio clorito e acido cloridrico durante la preparazione dei contenitori di alcuni ausiliari chimici. Le sue condizioni sono apparse subito molto gravi, tanto da rendere necessario l’intervento dell’elisoccorso per il trasporto all’ospedale San Bortolo di Vicenza, dove l’uomo è morto nel pomeriggio di venerdì. Il sostituto procuratore Giovanni Parolin ha aperto un’inchiesta, come di rito, per omicidio colposo. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati