I progetti di SSIP a Lineapelle95: valorizzazione scientifica e ricerca, formazione e 8 borse di studio da assegnare

0

Proseguire nella promozione del proprio piano di rilancio. Presentare il ricco carnet di attività e progetti in corso. Torna a Lineapelle95 (con uno stand al padiglione 11) SSIP, la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Pelli e delle Materie Concianti con il suo “team di tecnici e ricercatori” impegnati a presentare “l’offerta di servizi integrati di supporto tecnico-scientifico, di progetti di ricerca e trasferimento tecnologico e di programmi di formazione per l’industria conciaria e per l’intera filiera moda”. Obiettivo: “Trasferire il know-how della Stazione Sperimentale in merito alle soluzioni tecnico-scientifiche connesse a specifici fabbisogni aziendali e proporre alle aziende conciarie e agli utilizzatori del cuoio nuovi modelli di approccio all’innovazione e al trasferimento tecnologico”. Ma anche illustrare “il piano per la diffusione e la valorizzazione scientifica 2018, che consiste in una serie di workshop in programma nei prossimi mesi (ottobre-dicembre 2018) nei distretti conciari italiani di Arzignano, Santa Croce sull’Arno e Solofra”. Focus anche sulla formazione professionale che si esplicita nelle “attività del Politecnico del Cuoio, nella prima edizione del corso ITS Tecnico Superiore Esperto in Scienza e Cultura Tecnica delle Pelli e dei Nuovi Materiali, organizzato a Solofra tramite la Fondazione ITS Moda Campania, e della seconda edizione del corso ITS Green Leather Manager, organizzato ad Arzignano tramite la Fondazione ITS Cosmo. Infine: l’avvio della selezione “per titoli e colloquio, età minima 35 anni, per il conferimento di 8 borse di studio di 12 mesi (rinnovabili per altri 12), per un importo di 18.000 euro annui per borsa di studio”. Le borse di studio sono suddivise in alcuni ambiti tematici. 1) processi produttivi metal-free: aspetti tecnologico-produttivi e ambientali; 2) trattamento dei reflui e valorizzazione degli scarti dell’industria conciaria; 3) caratterizzazione avanzata di prodotto per l’industria conciaria; 4) determinazione di analisi di interesse eco-tossicologico per la messa a punto di metodi di prova in ambito conciario; 5) gestione del ciclo delle acque reflue nel distretto veneto.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso