Pittards, nel primo semestre ricavi dimezzati e perdita di 3,5 mln

Pittards, nel primo semestre ricavi dimezzati e perdita di 3,5 mln

Il primo semestre di Pittards chiude in area negativa: i ricavi dimezzati sono l’ovvia premessa di un bilancio in perdita. Ma da maggio ad agosto i risultati sono migliorati: il gruppo britannico della concia e della pelletteria prevede un secondo semestre migliore del primo. La buona notizia arriva dall’Etiopia, dove Pittards Ethiopia Tannery è stata premiata come azienda virtuosa dal governo locale.

Ricavi dimezzati

Nei primi sei mesi del 2020, dicevamo, Pittards ha registrato ricavi per 6,6 milioni di sterline, in calo di oltre il 45% su base annua. Il bilancio si è chiuso con una perdita ante imposte di 2,3 milioni di sterline, rispetto ad un utile ante imposte di 200.000 sterline nell’analogo periodo del 2019. “Oltre il 90% delle nostre vendite deriva dall’export – spiega il CEO Reg Hankey –, il che ci espone alla domanda globale, alla logistica e agli effetti della catena di approvvigionamento”. Parola di ottimismo e fiducia sono state espresse dal presidente Stephen Yapp: “Entriamo nel secondo semestre con flussi di cassa positivi e in miglioramento. Oltre il 14% delle vendite nel primo semestre, rispetto all’1,5% nel primo semestre 2019, proveniva dai nostri nuovi mercati di destinazione. Le vendite complessive sono aumentate costantemente da maggio ad agosto. Siamo ben posizionati per fornire flusso di cassa operativo positivo nel secondo semestre, unitamente a una riduzione dell’indebitamento finanziario netto”. Le vendite hanno ricominciato a crescere nelle divisioni calzatura, auto e beni di consumo speciali: sia luglio che agosto è tornata la marginalità.

 

 

Il premio

Pittards Ethiopia Tannery è stata insignita dal Ministero delle Entrate etiope di un premio e della certificazione di lealtà, accuratezza, best practice e trasparenza nella propria attività. Lo riporta International Leather Maker. Inoltre, Pittards UK, ha consegnato un assegno di 595 sterline a favore dell’ospedale di Yeovil: i soldi rappresentano i proventi della vendita di ricordi in pelle a forma di cuore, prodotti dalla divisione di pelletteria dell’azienda durante il lockdown. (mv)

Immagini tratte da pittards.com

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati