Russia, tutto (quasi) pronto per la nuova conceria siberiana RK Altai, ma l’apertura scivola ancora

Nuovo ritardo per la costruzione della conceria RK Altai a Zarinsk, nel territorio dell’Altai, in Siberia. Il gruppo conciario Russkaya Kozha aveva già posticipato la messa in funzione dell’impianto da agosto 2017 a dicembre 2018  e ora ha di nuovo prorogato tale termine a causa di variazioni nel progetto riguardanti la realizzazione di alcuni sistemi ausiliari per il trattamento dell’acqua e per gli impianti di pulizia. Lo scrive il Kommersant, riferendosi al presidente del consiglio di amministrazione Igor Surin secondo cui, attualmente, la conceria è quasi pronta, l’impianto principale per la produzione è già stata costruito, l’attrezzatura è stata installata e il personale sta facendo formazione. La conceria, costruita su un terreno di 4,5 ettari, lavorerà 600 tonnellate di pelli grezze ogni mese (pelli bovine, suine, ovicaprine) per produrre 100.000 metri quadri di pelle destinati alla produzione di scarpe, pelletteria, arredamento, automotive e all’industria medica. Inizialmente vi lavoreranno 200 persone. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati