Brasile, nuova accusa a Joesley Batista (JBS): avrebbe corrotto un procuratore per garantirsi il patteggiamento

Il 25 giugno la Procura Federale del Brasile ha presentato una (nuova) accusa contro Joesley Batista (ex presidente di JBS), un manager della stessa multinazionale e un ex procuratore. L’ipotesi di reato è corruzione: i dirigenti del gruppo brasiliano della carne avrebbero pagato 700.000 real (circa 157.000 euro) per assicurarsi l’ottenimento dell’accordo di patteggiamento alla vigilia del caso Lava Jato, scandalo giudiziario dal quale è emerso una rete di corruttela tra la politica e l’economia brasiliane. Raggiunti da Reuters, i legali della famiglia Batista hanno declinato ogni responsabilità per il proprio assistito. Ora spetta alla Corte Federale di Brazilia la decisione di proseguire con l’incriminazione degli accusati. La Corte Supreme, invece, potrebbe revocare l’accordo di patteggiamento.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati