Brasile, il patteggiamento (forse) regge, ma non mette JBS al riparo da eventuali sviluppi penali

Secondo Reuters la Corte Federale del Brasile ha parzialmente sospeso il patteggiamento siglato dalla multinazionale della carne JBS nell’ambito del caso Lava Jato. Secondo l’agenzia, che cita una fonte interna alla finanziaria (J&F) tramite la quale la famiglia Batista controlla la holding, c’è la possibilità che Joesley (ieri consegnatosi agli arresti) e Wesley Batista siano indagati. Una nota diramata da J&F, invece, spiega che il patteggiamento rimane valido, ma la Giustizia brasiliana sospende la possibilità di estenderne eventualmente il valore a nuovi fatti penali. Intanto JBS ha ufficializzato un movimento di ristrutturazione interna. La holding ha ceduto per circa 1 miliardo di euro Moy Park, società irlandese di carne avicola, a Pilgrim’s Pride, azienda statunitense che la stessa JBS controlla tramite la sussidiaria JBS USA.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati