Brexit scatta a gennaio 2021: alla dogana inglese funzionerà così

Brexit scatta a gennaio 2021: alla dogana inglese funzionerà così

Non ci sarà la proroga del periodo di transizione: Brexit scatta a gennaio 2021. Serve, però, un ingresso “dolce” delle nuove condizioni commerciali tra la Gran Bretagna e i partner comunitari, anche alla luce delle difficoltà economiche già poste dalla pandemia di Coronavirus. Il governo inglese ha per questo varato una riforma delle politiche doganali sull’import di prodotti dai Paesi UE in tre tempi. Leather UK, l’associazione britannica che rappresenta l’industria conciaria, spiega così le novità.

Brexit scatta a gennaio 2021

Dal primo gennaio e per i primi tre mesi del 2021, dunque, chi importa qualsiasi bene dal mercato unico avrà sei mesi per completare la dichiarazione doganale: il pagamento dei dazi (quando richiesti) può essere differito al completamento della documentazione. Ad aprile subentrano novità per tutti i prodotti di origine animale (POAO) e vegetale: per questi diverranno necessarie la pre-notifica e la documentazione sanitaria. Da luglio, infine, tutti i prodotti andranno dichiarati al punto d’importazione, dove si produrrà la documentazione richiesta e si pagheranno i dazi pertinenti.

L’impegno di Downing Street

Per preparare il Paese alle novità, il Governo inglese stanzia un pacchetto da 50 milioni di sterline (55,6 milioni di euro). La cifra sarà spesa per la formazione del personale e l’adeguamento degli spazi. A tal proposito, Downing Street promette anche di ampliare le infrastrutture doganali affinché possano assolvere al proprio compito.

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati