Karl Lagerfeld è morto: la moda saluta il designer che ha scritto pagine di storia e fatto grande la pelle

Quando lo scorso gennaio Karl Lagerfeld non ha presenziato alle sfilate della sua Chanel, come era solito fare, perché “affaticato”, la stampa internazionale si è interrogata su cosa significasse realmente la formula di rito. La notizia del suo decesso, trapelata dai media francesi, conferma le peggiori ipotesi. Lo stilista e fotografo tedesco, nato (presumibilmente) nel settembre 1933 ad Amburgo, è morto il 19 febbraio dopo aver dedicato l’intera esistenza all’alta moda. Sin dagli esordi con Pierre Balmain, ha collaborato con le più prestigiose maison del lusso: dal 1965 firmava le collezioni prêt-à-porter di Fendi, dal 1982 era il direttore artistico di Chanel, nel 1984 ha fondato il proprio brand. Da sempre, e fino alle ultime collaborazioni, grande estimatore e utilizzatore della pelle e della pelliccia, Lagerfeld è stato un protagonista del fashion system mondiale, uno di quelli capaci di segnare l’epoca in cui vive.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati