Le PMI soffrono la crisi della moda, avverte Confartigianato

Le PMI soffrono lo sprofondo della moda, avverte Confartigianato

La manifattura italiana tiene nel suo complesso. E recupera meglio di Germania e Francia. Ma la crisi della moda crea problemi al sistema delle micro e piccole imprese. Lo rileva un’analisi di Confartigianato su dati Istat.

Lo scenario

Nei primi nove mesi del 2020 la produzione manifatturiera italiana a causa del coronavirus ha registrato una flessione del 14,9%. In valore equivale ad una minore produzione per 108,5 miliardi di euro. Un dato pesante che, però, è al di sotto di quello del 2009, quando nei primi nove mesi dell’anno il calo fu del 22,3%. La nota lieta è che l’Italia sta recuperando meglio di Germania e Francia. A settembre, infatti, il trend della produzione made in Italy è -5,9%, meglio della media Eurozona (-7,2%), della Germania (-8,7%) e della Francia (-6,4%).

 

 

Crisi della moda

Tutti i settori hanno il segno meno davanti. Il “migliore”, o il meno peggio, è l’alimentare con -1,6%. Tra i settori più colpiti ci sono il tessile (-23,2%), l’abbigliamento (-29,8%) e gli autoveicoli (-30,7%). La pelle, categoria che racchiude calzatura, pelletteria e concia, fa -34,4%. Complessivamente la moda perde il 29,9%: gli effetti della crisi del 2020 sono di intensità doppia rispetto a quelli del 2009 (-13,6%).

Lo stop delle PMI

A subire maggiormente la situazione sono i piccoli, che sono tantissimi. La stessa Confartigianato evidenzia, infatti, come i circa 2 milioni di addetti delle micro e piccole imprese rappresentino la maggioranza (54%) degli occupati del settore manifatturiero (circa 3.740.000). Dato che pone l’Italia al primo posto tra i 27 paesi UE. Inoltre, nelle imprese artigiane della manifattura lavorano 935.000 addetti, un quarto (25,5%) del totale occupati. (mv)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati