La scarpa ai tempi dell’Illuminismo: la mostra al Bata Shoe Museum

Filosofia, cultura e arte. Tutto si intreccia nella nuova mostra “The Great Divide: Footwear in the Age of Enlightenment” allestita dal Bata Shoe Museum di Toronto (Canada). La mostra è dedicata alla storia delle calzature durante l’Illuminismo. Il periodo storico comprende i secoli che vanno dal XVII alla fine del XVIII ed è caratterizzato dal grande lavoro di filosofi e scienziati intorno ai concetti di “natura umana” e “diritti naturali”. Gli individui possono essere naturalmente suddivisi per razza e classe? Quali sono i loro diritti imprescindibili? Come si organizza la società? Erano queste le domande dell’epoca. E a rispondere fu anche il mondo della calzatura.

Bata Shoe Museum

L’abbigliamento diventò, a partire da quest’epoca, uno degli elementi principali per identificare il ceto degli individui. Un vero e proprio codice i cui fondamentali erano fissati proprio dalle calzature. Il tacco basso, il tessuto costoso e il fiocco ostentato delle scarpe inglesi della seconda metà del XVIII secolo raccontano, ad esempio, la vita di un ricco uomo a cui piaceva mostrare le proprie disponibilità economiche. I modelli cambiano, evolvono, crescono in tacchi che però non dovevano scavallare nel cattivo gusto. Durante l’Illuminismo, infatti, le donne potevano essere facilmente additate come sfruttatrici del loro sex appeal.

Battaglie e imperialismo

Nelle teche del museo canadese ci sono poi le calzature basse in pelle e tessuto di inizio Ottocento di Myaamia Mishikinawa: noto come “Little Turtle”, oppose resistenza all’esercito americano con il suo popolo nel 1791 durante la battaglia di Wabash. Una delle sconfitte più dure da digerire per i nuovi occupanti del continente. Sono invece un simbolo dell’imperialismo britannico le calzature da donna del XVII secolo arrivate a Toronto dall’India. Il tessuto è locale, così come le perline e le paillettes. Ma la suola è stata rimossa e sostituita con un modello europeo. La mostra “The Great Divide: Footwear in the Age of Enlightenment” racconta una parte della storia della scarpa. La collezione permanente del museo espone circa 14.000 calzature che ripercorrono 4.500 anni di storia dell’accessorio. (art)

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati