Congiuntura opaca a Première Vision Paris: la fiera evidenzia la fase lenta di un mercato in difficoltà

L’evento si è svolto dal 12 al 14 settembre nella consueta sede espositiva di Paris Nord Villepinte. Ha ospitato circa 240 espositori, poco meno della metà italiani. E, una volta chiusi gli stand, ha evidenziato alcune caratteristiche congiunturali da tenere presente, anche se non rappresentano una grande novità. Première Vision Leather ha concluso ieri un’edizione all’insegna della lentezza e ha dato conto di come il mercato appaia fortemente polarizzato e, allo stesso tempo, affronti una fase di profonda difficoltà. Funziona la pelletteria che, come abbiamo scritto ieri, rappresenta il settore a maggior redditività della moda (dopo l’abbigliamento), mentre fatica la calzatura. Si consolidano alcune grandi griffe, ma altre rimangono ancora in un limbo di incertezza. La filiera osserva e cerca di trovare antidoti, offrendo maggior flessibilità produttiva e servizio. Prossima edizione: 17/19 settembre.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati