Lineapelle93 è (anche) una questione di stile: pelli innovative, fantasie coraggiose, mano morbida

“Cerco fantasie, prodotti nuovi, pelli esclusive: bovine per la pelletteria e agnello per l’abbigliamento. Passerò due giorni in fiera. Lineapelle93 è un’occasione di ricerca: sarebbe riduttivo venire qui per materiali dallo stile classico”. Florent Paudeleux lavora per Polypheme, agenzia parigina di consulenza stilistica per le griffe. Quando lo incontriamo, studia i pellami in uno dei tre spazi Area Trend allestiti in fiera: qui è raccolta l’anteprima delle nuove tendenze, uno scontro tra pulsioni classiche ed elementi eccessivi per stupire, con oltre 2.000 campioni dei materiali più innovativi. “Stiamo cercando materiali ricercati, innovativi, con inserti in metallo o lavorazioni particolari” spiegano due studentesse di moda arrivate dalla Svezia. “Stiamo lavorando a un progetto nostro dedicato alla pelletteria, ma ci interessano anche le calzature – continuano -. In entrambi i casi vogliamo colore, materie prime dotate di una personalità propria, perché oggi troviamo meno interessante, oltre che più difficile, emergere puntando su stili classici”. “Cerchiamo qualcosa di nuovo, che ci sia di ispirazione – dicono i rappresentanti del brand portoghese Mariano Shoes -. Noi lavoriamo su due fronti, uno con scarpe in pelle molto classica di altissima qualità, uno più fashion, emozionante, stupefacente”. La giovane stilista taiwanese Jah Prapaporn, per la collezione accessori del suo brand Prap, cerca invece pellami lisci e naturali. Interessati invece ai tessuti naturali, materiale sintetico a imitazione delle pelle dalla mano morbida e a jacquard rigati naturali l’ufficio ricerca di calzature marchigiane, sia per scarpe eleganti che sneaker. 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati