Scarpe&Scarpe passa di mano: il 70% va al fondo RSCT

Scarpe&Scarpe passa di mano: il 70% va al fondo RSCT

Scarpe&Scarpe passa di mano e incassa l’ok del Tribunale di Torino al concordato. Si apre una nuova fase per l’azienda torinese del retail che conta oggi oltre 1.550 dipendenti e 137 negozi. Il fondo RSCT (Responsible & Sustainable Corporate Turnaround) è di proprietà di Pillarstone Italy. Ora acquisisce il 70% di Scarpe&Scarpe da Sagi Holding. A quest’ultima, i cui azionisti si identificano nella famiglia fondatrice Pettenuzzo, rimane il residuo 30%.

L’ok al concordato

Lo scorso primo luglio il Tribunale di Torino ha omologato la richiesta di concordato preventivo in continuità aziendale di Scarpe&Scarpe. La proposta aveva già ottenuto il parere favorevole dei creditori. La società di retail sottolinea in una nota che sia il 2021, sia il primo semestre 2022, si sono chiusi con risultati migliori rispetto al piano, nonostante i venti contrari.

 

Scarpe&Scarpe passa di mano: il 70% va al fondo RSCTScarpe&Scarpe passa di mano: il 70% va al fondo RSCT

 

Ora Scarpe&Scarpe passa di mano

Con l’omologa da parte del Tribunale si chiude una fase e se ne apre una nuova. Perché il Tribunale approva anche l’esecuzione dell’accordo che cambierà la compagine sociale: Sagi Holding cede il 70% al fondo RSCT. Come ricorda Bebeez, RSCT è il principale creditore di Scarpe&Scarpe e della stessa Sagi. Il fondo controllato da Pillarstone Italy è anche il maggior creditore di Pittarosso e aveva ipotizzato “eventuali sinergie” tra le due insegne retail. Sinergie che la famiglia Pettenuzzo si era affrettata a smentire. La modifica della compagine sociale riapre questa possibilità. (mv)

Leggi anche:

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×