Vendere o non vendere: l’unica barriera è la qualità

Vendere o non vendere: l’unica barriera è la qualità

C’è poco da prendersela con i family business italiani. Se decidono di cedere la proprietà (ma non il controllo) dell’azienda a nuovi soci, magari esteri, è perché non hanno altra scelta. Per crescere nel mercato globale, servono maggiori capitali da investire: semplice. Non ce la si può prendere, tanto meno, con i gruppi globali del lusso. Specie con quelli francesi: proprio loro hanno dimostrato di credere nel made in Italy più di tanti altri. Nel nuovo numero del mensile La Conceria andiamo a fondo del dilemma “vendere o non vendere”.

L’intervista
Ci aiuta in questo approfondimento Romano Benini: docente universitario, giornalista e autore TV. Nel 2018 ha pubblicato con Donzelli “Lo Stile Italiano – Storia Economia e Cultura del Made in Italy”, un’analisi su scala millenaria per leggere l’evoluzione della moda nel suo contesto economico e istituzionale. “Serve una Fincantieri della moda, un gruppo competitivo sul mercato – risponde -. Perché si tratta di concorrere con i francesi, che sanno cos’è la qualità ed hanno saputo investirci. Ora hanno triplicato le proprie dimensioni».

Se sei già abbonato al magazine, puoi cliccare qui per leggere l’approfondimento.

Se, invece, non sei ancora un nostro subscriber, a questo link puoi scoprire tutte le formule di abbonamento.

 

 

Leggi anche:

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati