India, manca la materia prima e la rupia è troppo forte: cala l’export dell’area pelle

0

Nel periodo aprile 2016 – marzo 2017 il fatturato estero della pelle e dei prodotti in pelle made in India è calato del 3,2% medio, attestandosi a circa 5,6 miliardi di dollari. Nell’anno, sostiene CLE (Council for Leather Exports), il cuoio indiano ha perso quote in molti dei mercati di sbocco (Germania, Regno Unito, Francia e Spagna tra gli altri). Tracolla il commercio estero di pellami finiti: il risultato è -15%. È in area negativa anche la performance delle calzature in pelle (poco più di 2,1 miliardi di dollari di giro d’affari), che ha ceduto lo 0,5%. Una delle poche eccezioni è rappresentata dai componenti per scarpe, il cui export è aumentato del 5,5%. Secondo Times of India, a danneggiare il calzaturiero, oltre che la mancanza di materia prima dovuta alla crisi della concia nazionale, è il rafforzamento della rupia. Per questa ragione, gli analisti prevedono che la manifattura indiana si concentrerà di più sulla domanda domestica.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso